L’Accreditamento: significato per i Laboratori ed applicazione nei controlli degli alimenti. Pesaro 20 novembre 2013

Home  >>  ACCREDITAMENTO  >>  L’Accreditamento: significato per i Laboratori ed applicazione nei controlli degli alimenti. Pesaro 20 novembre 2013

 

 

Lo scorso 20 novembre 2013, presso ARPA Marche Dipartimento Provinciale di Pesaro, si è tenuto il secondo incontro dei Seminari “L’Accreditamento: significato per i Laboratori ed applicazione nei controlli degli alimenti”, organizzato da ALA e ARPA Emilia Romagna con il patrocinio di ACCREDIA.

Al centro del Seminario l’accreditamento applicato ai controlli in materia di alimenti quali oli e prodotti ittici, matrici particolarmente rilevabili alle contaminazioni ambientali; si sono confrontati sul tema sia il settore pubblico sia il settore privato.

Da entrambi i Seminari è emerso che il rapporto tra Laboratori Pubblici, in particolare le Arpa, e Laboratori Privati ha un valore imprescindibile e può portare solo benefici alla sorveglianza del mercato e alla tutela del “Made in Italy”.

Il Seminario è stato aperto dal Dott. C. Pizzagalli, Direttore di Arpa Marche Dipartimento Provinciale di Pesaro, che ha dato il benvenuto al pubblico, a cui hanno fatto seguito i saluti dell’Ing. G. Bassini, Presidente di ALA, che ha introdotto i lavori e ha presentato l’Associazione.

La Dott.ssa P. Ammazzalorso, Responsabile Garanzia Qualità Arpa Marche, ha illustrato l’importanza dell’accreditamento e delle autorizzazioni MIPAAF per le analisi di matrici alimentari per i Laboratori Pubblici.

L’Ing. B. Bargellini, Assistente al sistema di gestione, con funzione di Responsabile Qualità per i Dipartimenti Laboratori di Prova e Laboratori di Prova perla Sicurezza degli Alimenti di ACCREDIA, ha riportato le garanzie e le criticità relative all’accreditamento dei Laboratori di Prova.

La Dott.ssa G. Agheorghiesei, Responsabile refertazione settore chimico perla GDO del Laboratorio Epta Nord, ha concentrato il suo intervento sull’analisi di contaminanti ambientali (metalli pesanti in particolare piombo, cadmio e mercurio, Fitosanitari, Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), Idrocarburi minerali e Biotossine acquatiche) su matrici alimentari quali prodotti ittici e oli.

Gli interventi del Dott. P. Ceccarelli, Assistente Tecnico Arpa Marche Dipartimento Provinciale di Ascoli Piceno, e della Dott.ssa Orletti, Responsabile Laboratorio Controllo Chimico e Biomonitoraggio dell’IZSUM di Ancona, si sono focalizzati sull’accreditamento di una prova per un Laboratorio Pubblico, riportando l’esperienza dell’Arpa Marche Dipartimento Provinciale di Ascoli Piceno nelle analisi degli oli vegetali e l’esperienza dell’IZSUM di Ancona nella validazione della procedura per la ricerca delle biotossine lipofiliche.

La Dott.ssa S. Gallerini, Responsabile Laboratorio Biochemie Lab., ha illustrato l’accreditamento di una prova per un Laboratorio Privato, riportando l’esperienza di Biochemie Lab. nella validazione di un metodo interno per la determinazione del contenuto di istamina nel tonno.

Infine il Dott. Battaglia, Amministratore delegato di Labservice Analytica, ha riportato le novità strumentali nel campo analitico.

A conclusione dell’incontro si è svolto un dibattito, che ha toccato i seguenti argomenti:

  • valorizzazione del prodotto italiano;
  • soggetti prelevatori: valutazione dei diversi soggetti prelevatori (es. ASUR, NAS, NAC, CFS e privati) e influenza sui dati analitici; disposizione, da parte dei soggetti prelevatori, di procedure normalizzate per il corretto campionamento.
  • Valorizzazione dell’accreditamento: riconoscimento puntuale, da parte del Legislatore e dei soggetti pubblici e privati che pubblicano bandi di gara facendo riferimento esplicito alla ISO 17025; eliminazione di ogni doppione e ridondanza (es. autorizzazioni MIPAAF quando è sufficiente l’accreditamento, Visite Ispettive dopo  6 mesi ecc.); sorveglianza del mercato (ruolo forte, autorevole ed efficace del pubblico può essere solo utile e ben visto dal privato).
  • Miglioramento e implementazione della gestione on line con ACCREDIA;
  • revisione delle tariffe ACCREDIA: tariffe legate ai costi e costi legati alle scelte organizzative;
  • collaborazione tra ARPA, IZS ela Regioneper stilare programmi di campionamento;
  • organizzazione e finalità del CENTRO AGROCHIMICO REGIONALE A.S.S.A.M.

Scarica le presentazioni di tutti gli interventi