REMTECH 2010 – Ferrara 22.09.10

Home  >>  ATTIVITA’ SETTORIALI  >>  Sezione Ambiente  >>  REMTECH 2010 – Ferrara 22.09.10

EVENTO SPECIALE: dati certi e metodi condivisi per le bonifiche: punti di forza e punti di debolezza nei rapporti tra laboratori pubblici e privati.

 

REMTECH 2010 – Ferrara 22.09.10

EVENTO SPECIALE: dati certi e metodi  condivisi per le bonifiche: punti di forza e punti di debolezza nei rapporti tra laboratori pubblici e privati.

A cura di Sonia Cantoni – AssoArpa

Le risposte: gli impegni delle associazioni di settore, migliori sinergie

Intervento ALA (Associazione Laboratori Accreditati):  Dr. Battista Nicoli – Chimico

Sintesi dell’intervento

ALA è l’Associazione dei Laboratori Accreditati e vuole portare all’attenzione degli organismi coinvolti le problematiche che riguardano l’attività laboratoristica e le attività di confronto con gli Enti Pubblici, nell’ambito delle procedure di bonifica previste dal d. l.g 152/2006 e con particolare riferimento agli esiti analitici dei controlli dei terreni.

Le  auspicate procedure di collaborazione pubblico – privato devono essere finalizzate a superare le situazioni problematiche che divengono, in alcuni casi, di conflittualità.

E’ importante tenere come riferimento quanto indicato dal decreto L.gv 152/2006 :

·         Le attività di Caratterizzazione devono essere condotte in modo da permettere la validazione di risultati finali da parte delle Pubbliche Autorità in un quadro realistico e condiviso …

·         Le attività analitiche verranno eseguite da laboratori pubblici e privati che garantiscano di corrispondere ai necessari requisiti di qualità

·         L’attività di controllo da parte degli enti preposti potrà essere realizzata durante lo svolgimento delle analisi di laboratorio , seguendone le diverse fasi.

Non indicando la norma di legge specifiche procedure appare importante pervenire a definire un modus operandi  condiviso e concreto tra i laboratori interessati esaltandone e sfruttandone le indubbie capacità  e potenzialità. Attualmente il processo di validazione si concretizza quasi esclusivamente nel confronto dei risultati al termine delle operazioni analitiche, e certamente questo non può essere considerato ottimale e produttivo al fine di attuare un procedimento realmente condiviso in linea con le disposizioni normative.

Nella ricerca di soluzioni appare poco attuabile l’ipotesi di una presenza continua dell’Ente pubblico presso il laboratorio privato, per evidenti difficoltà organizzative e di disponibilità di risorse umane altamente specializzate che dovrebbero essere messe a disposizione.

Non mancano però esempi positivi di collaborazione che hanno portato a buoni risultati; le modalità utilizzate in questi casi possono essere esaminate ed eventualmente recepite per definire un procedimento virtuoso produttivo che potrebbe anche portare a meglio definire linee guida operative.

In tal senso ad esempio può essere utile  valutare l’opportunità e l’idoneità delle seguenti azioni:

·        incontri preliminari per la definizione di metodiche

·        sistemi di controllo incrociato dell’avanzamento dell’analisi

·         confronto progressivo durante la fase analitica tra i  rispettivi laboratori

·        partecipazione a circuiti interlaboratorio specifici

·        …

in modo da avviare un virtuoso progressivo allineamento delle azioni analitiche e giungere ad una condivisa definizione  dei risultati.

E’ necessario però che preliminarmente si raggiunga un livello  adeguato e comparabile dei requisiti di qualità di tutti laboratori coinvolti.

Al riguardo possono essere tenute in grande considerazioni le indicazioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:

·         LA STANDARDIZZAZIONE

·         LA RIFERIBILITA’

·         L A TARATURA  E LE  APPARECCHIATURE

·         I TEST INTERLABORATORIO

·         L’INCERTEZZA DELLA MISURA.

Questi sono alcuni punti importanti di riferimento a disposizione che possono guidare l’azione di crescita qualitativa e di allineamento dei laboratorio pubblici e privati.

L’accreditamento costituisce un forte elemento di base tecnica comune, da completare con varie altre attività ed iniziative specificatamente studiate dagli Enti coinvolti, con la collaborazione attiva dei laboratori.

 

Battista Nicoli

Water & Life Lab srl.

Email: battista.nicoli@waterlifelab.it